Il cotto e il parquet sono due materiali molto diversi tra loro.

Il pavimento in cotto rappresenta l’artigianalità: argilla plasmata da mani sapienti in appositi stampi in legno e poi essiccata al sole è l’origine del cotto fatto a mano, un prodotto molto espressivo che una volta installato si trasforma nel tempo e a seconda dell’utilizzo, raccontando così la storia di chi lo ha abitato. Il pavimento in legno, d’altro canto, rappresenta la natura: il meraviglioso viaggio dell’albero che, debitamente selezionato, viene reso parquet attraverso pratiche eco-compatibili e finisce per abitare le nostre case, adeguandosi e modificandosi con esse.

Due materiali molto diversi che hanno in comune il fatto di non rimanere identici nel tempo come un pavimento in gres. Forse è proprio questa caratteristica che li rende più vicini di quanto si possa immaginare e fa sì che venga molto richiesto l’accostamento di cotto e parquet nella stessa abitazione.

C’è chi sceglie di installare pavimenti in cotto e pavimenti in legno in diverse stanze della stessa casa, ma anche chi ha l’ardire di installare i due pavimenti giustapponendoli nella medesima stanza.

I pro e i contro? Sicuramente se presenti nella stessa stanza i due diversi pavimenti vanno trattati e puliti distintamente. Per il resto non esistono controindicazioni nell’installare nella stessa stanza o in una stessa abitazione un pavimento in legno e un pavimento in cotto. E’ solo questione di… gusti!